MERIDA BIO BIOPROFUMERIA

Via Nazionale, 139

Torre del Greco (NA)

08100122450

3208729062

meridabio@gmail.com

      CHI SIAMO

      CONTATTI

> Pagamenti e Spedizioni 

  • Shopping sicuro e affidabile

  • Spedizione veloce

  • Protezione dei dati garantita

  • Diritto di recesso 14 giorni

  • Consulenza gratuita sugli acquisti

Copyright © 2019 - Merida Bio Bioprofumeria P. Iva 03003110594

Come preparare e applicare l'Hennè.

Eccoci al secondo appuntamento con l' Hennè e le Erbe Tintorie. Oggi vi spiegherò come preparare e applicare l'impacco e quali sono le attenzioni da tenere in considerazione.


Prima di iniziare voglio elencarvi alcuni accorgimenti importanti da seguire:



  • L' Hennè va applicato su capelli puliti, quindi dopo lo shampoo. E' possibile fare lo shampoo anche il giorno prima l'importante è non applicare nulla sui capelli successivamente. Si può scegliere se hennare a capelli asciutti o ancora umidi, questa è solo una questione di comodità non va ad interferire con la riuscita della colorazione.

  • Assicuratevi che nell' INCI della miscela o dell' Hennè che avete acquistato ci siano solo indicate le tipologie di erbe inserite, non deve essere presente il Picramato di sodio (sodium picramate), un colorante sintetico che spesso viene aggiunto per intensificare il colore finale. Questo ingrediente, oltre ad essere molto inquinante, se inserito oltre una determinata percentuale può essere tossico e causare delle reazioni della cute.

  • Nonostante non ci siano prove scientifiche riguardo quello che vi sto per dire io consiglio sempre di non rischiare e , come dico sempre alle mie clienti, è preferibile utilizzare, per la preparazione dell' Hennè e delle erbe tintorie, solo utensili di ceramica, vetro, legno, silicone, plastica, ma mai di metallo in quanto i sali contenuti nei metalli potrebbero andare ad interferire con la miscela. Diverso il discorso dell' acciaio inox che non rilascia questi sali.

  • Per evitare effetti e colori indesiderati è preferibile non applicare l' Hennè subito prima o subito dopo trattamenti come tinte chimiche e decolorazioni. Meglio sempre aspettare 3\4 settimane. Se si intende procedere subito potete provare ad applicare la miscela su una ciocca di capelli nascosta, ad esempio sotto la nuca.

  • Ricordate sempre che con l' Hennè NON è possibile schiarire. La schiaritura non è un processo naturale e come detto nell' articolo precedente questa fantastica pianta ha la capacità di avvolgere il capello, di conseguenza andando ad utilizzarla costantemente il colore si accumula, ovvero stratifica e questo porta gradualmente a scurirlo. Mi soffermerò su questo punto in un articolo dedicato dove spiegherò come prevenire questo processo. Va da se che una volta utilizzato l' Hennè è difficile o quasi impossibile tornare indietro, quindi pensateci bene prima di colorare i capelli.

  • Se siete in dolce attesa non utilizzate Henne e erbe tintorie nel primo trimestre, nei mesi a seguire e in allattamento chiedete il parere del vostro ginecologo, se questo vi da l' OK allora vi consiglio di utilizzare solo ed esclusivamente Hennè privi di picramato e marche certificate come Khadi, Le erbe di Janas, La Saponaria, ecc.

  • Mai inserire nell' Hennè oli o burri che potrebbero andare in contrasto con il potere tintorio in quanto vanno a filmare il capello. Io personalmente utilizzo questi grassi su fronte e collo per evitare macchie. Per lo stesso motivo consiglio di utilizzare i balsami solo se necessario e in quantità minime.





E ora entriamo nel vivo....


Come preparare l' Hennè e le erbe tintorie


La fase della preparazione è molto semplice basta idratare le polveri con acqua molto calda fino ad ottenere un composto cremoso, la consistenza deve essere simile a quella dello yogurt. L' Hennè rilascia colore più velocemente solo se rimane caldo e umido, per questo una volta applicato bisogna avvolgerlo in una cuffia o pellicola di plastica e poi in un telo o asciugamano.


Non è necessario far ossidare l'impacco ma non è neanche vietato, questo dipende dai toni che si vogliono ottenere.

In caso si preferiscano toni caldi e ramati potete mettere a "riposare" il composto con l'aggiunta di sostanze acide quali succo di limone, aceto ecc. per i tempi di ossidazione potete far riferimento a questa tabella che mette in rapporto la temperatura dell'acqua aggiunta alle polveri e il tempo.Vediamo cosa ci mostra la tabella:

  • Nell'area rossa troviamo i momenti il cui l'hennè rilascia più colore;

  • Nella sezione verde c'è poco potere tintorio in quanto il colore sta per essere rilasciato

  • Nella zona gialla il colore va man mano scemando dopo ever avuto il picco della zona rossa.

Questo grafico può essere utile anche a chi vuole anticiparsi preparando l'impacco il giorno prima e applicarlo il giorno dopo.


Per i toni freddi invece non è necessario ossidare e neanche aggiungere sostanze acide, anzi in questo caso si consiglia l'aggiunta di una punta di bicarbonato o di allume di rocca. Addirittura molte ragazze che aspirano a queste tonalità hanno trovato che congelare il composto prima di applicarlo sia più efficace, ma in questo caso i tempi saranno molto più lunghi.


Quali altri ingredienti si possono aggiungere nell' Hennè?


Tornando alla preparazione dell' Hennè ecco cosa potete aggiungere e cosa invece è sconsigliato.

  • E' possibile sostituire l'acqua calda con un gel (aloe, semi di lino, Gam, katira, ecc..) o se preferite si possono anche combinare insieme. I gel, oltre a contrastare la sensazione di secchezza causata dall' Hennè, rendono l'impasto più "gelatinoso" e compatto ed evitano che questo coli durante la posa. Sempre in alternativa all'acqua è possibile idratare le polveri con infusi ma questo solo se si vogliono ottenere toni caldi in quanto il Ph di queste sostanze risulta acido.

  • Anche se alcune ragazze lo utilizzano, io personalmente sconsiglio di aggiungere yogurt e latte in quanto sostanze grasse e quindi vale il discorso fatto in precedenza riguardo gli oli e i burri.

  • E' possibile aggiungere l'uovo nell'impacco ma solo se si desiderano toni caldi e se i tempi di posa sono corti in caso contrario l'uovo potrebbe emanare un cattivo odore.

  • Un pizzico di sale, invece, è consigliato soprattutto per favorire la presa di colore di Indigo e\o Katam.

  • Maschere o balsami, a meno che non vogliate preparare uno Sherazade (impacco riflessante), non vanno aggiunti al composto.

  • Io aggiungo sempre un cucchiaino di zucchero e uno di miele nel mio impacco entrambi vanno a contrastare la secchezza del capello in più lo zucchero evita la formazione di eventuali grumi.

  • Sempre per la questione "secchezza" va benissimo anche l'aggiunta di pantenolo, inulina e methi (già idratato in precedenza).


Come applicare l'Hennè


Pronte ad impasticciarvi i capelli?

Ok, innanzitutto mettete i guanti a meno che non vogliate tingere anche le mani di un bell'arancione, proteggete anche gli indumenti utilizzando una mantellina. Se vi è più comodo potete aiutarvi per la stesura con un pennello da tinta, io utilizzo direttamente le mani.

Come già anticipato potete applicare l'impacco sia a capelli asciutti che umidi l'importante è che siano puliti (per la questione siliconi è consigliabile utilizzare uno shampoo biologico). Procedete ciocca per ciocca partendo dai capelli più in alto, per ogni ciocca applicate bene l' Hennè partendo dalle radici fino alle punte, massaggiatela tra le dita, pettinatela e attorcigliatela su se stessa fino a fissarla sulla testa.

Procedete così per tutti i capelli.


Se avete una ricrescita da coprire e volete solo uniformare il colore andrete a trattare solo le radici e a coprire tutta la chioma solo una volta ogni tanto. Questo ovviamente vale se avete raggiunto già precedentemente il colore desiderato.


Se al contrario la base di partenza è più chiara sulle lunghezze rispetto alla base andrete a lavorare solo le lunghezze.


Coprite con una cuffia in plastica o pellicola da cucina (che sconsiglio per una questione ecologica) e poi avvolgete il tutto in un asciugamano o turbante. Tenete in posa e quando avrete terminato iniziate a sciacquare, sciacquare, sciacquare, sciacquare....

Vi consiglio di fare il primo scarico di colore in una bacinella che getterete poi nel water, questo per evitare di intasare le tubature.

Per facilitare il risciacquo potete utilizzare una noce piccolissima di balsamo (biologico ovviamente) e pettinare i capelli fino a quando l'acqua non risulterà limpida e pulita.


Se l' Hennè vi ha macchiato la pelle potete impregnare un batuffolo di cotone con dell'olio e strofinarlo sulle macchie per rimuoverle.


Nei prossimi articoli parlerò di quali colorazioni si possono raggiungere con le erbe tintorie e di come coprire i maledetti capelli bianchi. Per qualsiasi dubbio o consiglio contattateci sui nostri canali social :)


Se l'articolo ti è piaciuto condividilo.


Un Bio- Abbraccio da Merida!




108 visualizzazioni

Spedizione GRATIS a partire dai 29,90€

Tutti i prezzi sono inclusi di IVA

0